EVO 2 di Autel Robotics: Serie drone con videocamere 6k e 8k

L’unico drone consumer 8k

Autel Robotics ha annunciato il suo tanto atteso drone EVO II al CES 2020 di Gennaio, promettendo enormi miglioramenti rispetto al modello EVO originale lanciato nel 2018.

Andiamo ora a vedere nello specifico la gamma dei droni professionali EVO in questa recensione approfondita.

Table Of Contents

La sua caratteristica più notevole è un sistema di telecamere modulare, che offre tre modelli che coprono una gamma di funzionalità che soddisfare le diverse esigenze di utenti, dai consumatori ai professionisti.

Le tre versioni disponibili sono:

Le differenza primaria tra i vari modelli è la videocamera in dotazione, la fotocamera dell’EVO II standard utilizza un sensore Quad Bayer da 48 MP da 1/2″ ed è il primo drone consumer a offrire video 8K.

L’EVO II Pro utilizza un sensore da 20MP di tipo 1″ più grande che offre una registrazione 6K e l’EVO II Dual dispone sia di una telecamera ottica che di videocamera termica in una singola unità e raggiunge anche il massimo a 6K di registrazione.

Il sistema modulare consente agli utenti di cambiare telecamera, se necessario, su un singolo drone.

Il drone EVO è sicuramente un drone che piacerà a tanti, specialmente per i tempo di volo indicati, ben 40 minuti di autonomia.

Specifiche chiave dei droni EVO 2:

  • Gimbal 3 assi
  • Video HDR con risoluzione fino a 4K
  • Supporto per codec H.264 e H.265 a 120 Mbps
  • Gamma A-Log a 10 bit
  • Durata della batteria di 40 minuti
  • 12 sensori di rilevamento ostacoli
  • Controller con schermo a colori integrato
  • Trasmissione video fino a 9 km
  • Nessun geofencing
  • Accesso online non richiesto per volare

Le specifiche tecniche che tutti e tre i droni condividono, suggeriscono un drone di alta gamma, paragonabile alla serie Mavic di DJI, con la differenza chiave della possibilità del 8k

Videocamera Modulare EVO II

Quando acquisti una EVO II, puoi scegliere il modello con la fotocamera che meglio si adatta alle tue esigenze. Se ad un certo punto vuoi cambiare telecamera, puoi farlo senza acquistare un drone completamente nuovo.


Videocamera EVO II

EVO II


Il drone EVO II standard include una fotocamera con un sensore CMOS Quad Bayer da 1/2″, in gradodi catturare sia immagini Raw che JPEG con una risoluzione fino a 48MP.

La videocamera utilizza un obbiettivo 26mm (equiv. ) F1.8 ad apertura fissa con FOV di 79º e dispone di uno zoom digitale 8x, pubblicizzato senza alcuna perdita di risoluzione fino a 4x.

Con il drone EVO II è possibile selezionare la modalità Burst o scattare fino a 5 foto consecutive in modalità Auto Exposure Bracketing (AEB). Questo ti dà la possibilità unica di creare immagini da 48 MP con HDR (High Dynamic Range )

Avere la possibilità di girare video 8K a 10 bit ti dà la possibilità di punch-in, ritagliare e conservare più dettagli complessivi.

La fotocamera 8K di EVO II può registrare a 8K / 25p, 6K / 30p, 4K / 60p e 2,7K + FHD / 120p.

Videocamera EVO II Pro

EVO II

L’EVO II Pro è dotato di una fotocamera con un sensore CMOS da 20 MP da 1 “, con un obiettivo da 29 mm leggermente più stretto (equiv.). Tuttavia, ha un’apertura regolabile, che va da F2,8 a F11. Come la fotocamera standard EVO II, offre uno zoom digitale 8x.

In contrasto con lo standard EVO II, il drone EVO II Pro cattura video 6K a 10 bit. Sebbene abbia una risoluzione inferiore rispetto al video 8K sul modello standard, il sensore più grande offre filmati più cinematografici. Le opzioni di registrazione includono 6K / 30p, 4K / 60p e FHD / 120p a 120 Mbps.

Videocamera EVO II Dual

EVO II

La videocamera termica di Evo II Dual ha una risoluzione fino a 640×512 che consentono riprese con dettaglio o a 146 medi distanza, ben 4 volte in più rispetto ad altri droni della sua classe. La frequenza di aggiornamento di 30 Hz produce un movimento termico dinamico regolare abbinando le immagini termiche alla frequenza dei fotogrammi video.

EVO II Dual supporta fino a 10 palette di colore termiche per far fronte a una varietà di ambienti di ripresa complessi e scenari di missione. L’immagine termica è integrata contemporaneamente nell’immagine RGB standard, ciò consente all’utente di ottenere contemporaneamente dati visivi e termici e consente un posizionamento e un monitoraggio del soggetto in maniera più facile.

Autel Evo II Dual registra con risoluzioni fino a 7680×4320. Con 4 volte più pixel rispetto a 4k (e 16 volte rispetto all’HD), i video 8k ridefiniscono la chiarezza e la profondità dell’immagine. Il sensore da 48 MP di Evo II Dual acquisisce ogni dettaglio rilevante per le indagini forensi.

Sia le immagini termiche che quelle RGB sono dotate di metadati incorporati che rendono EVOII Dual lo strumento definitivo per la sicurezza pubblica.

Sensori anticollisione omnidirezionali


Il drone EVO II è dotato di un totale di 12 sensori anticollisione posizionati sul lato anteriore, posteriore, superiore, inferiore, sinistro e destro del velivolo per evitare gli ostacoli.

EVO II

Sul manuale di istruzione fornito agli utenti sono menzionati 4 punti ciechi, in particolare quando in condizione di volo diagonale, è sempre bene fidarsi più della vista più che dei sensori, in ogni caso.

La parte inferiore del velivolo Autel EVO II è dotata di 2 sensori a ultrasuoni seguiti dal sistema di visione verso il basso e dal LED di posizione.

assignment

Geofencing

La funzionalità “Geofencing” presente in alcuni droni, introdotta anche da DJI, imposta una restrizione per il drone ad operare in alcune aree, in tal maniera sarà impossibile non rispettare le restrizioni di volo in aree specifiche.

Sebbene sia considerato una caratteristica di sicurezza, può creare un grave inconveniente per un pilota che deve effettuare delle riprese aeree ed è in possesso dell’autorizzazione, ma il software non accetta il certificato. Talvolta può accadere ma con EVO II questo problema non ci sarà.

Batteria e Archiviazione


La batteria in dotazione sul drone EVO II è enorme ben 7100 mAH, Autel Robotics afferma una durata della batteria di 40 minuti, statistica veritiera e confermata, per il confronto i Mavic di DJI si aggirano attorno i 30 minuti. Sembra di no ma anche 5 minuti possono fare la differenza in determinate condizioni.

Lo spazio di archiviazione integrato di Evo II è di ben 8 GB utile in caso la memoria SD sia piena. È possibile accedere ai file multimediali memorizzati sul drone tramite una porta USB-C situata sul lato destro. Sul lato opposto c’è uno slot microSD che può ospitare una scheda fino a 256 GB.

Radiocomando e controllo del drone

EVO II

Il drone EVO II viene fornito con lo stesso tipo di telecomando con display OLED da 3,3 pollici integrato del drone EVO originale, il che è deludente per diversi motivi.

Il radiocomando risulta piuttosto antiergonomico, da un design piuttosto semplice, con due piccole maniglie pieghevoli piuttosto piccole e scivolose specialmente in caso di sudore ai palmi.

Il dispositivo mobile preferito per il controllo del drone EVO II si aggancia sulla parte superiore del telecomando, non vi è la possibilità di adattare un tablet.


È possibile far funzionare EVO II utilizzando il telecomando da solo, tuttavia è assolutamente consigliato il download dell’App Explorer per accedere a tutte le funzionalità del drone.

Sul retro del telecomando sono posizionati due pulsanti programmabili per diverse funzioni, tra cui il comando vocale, sfortunatamente abbiamo riscontrato pressioni accidentali per via del loro scomodo posizionamento; le levette di comando per fortuna sono facili da manovrare con la giusta quantità di resistenza.

Accessori EVO II

Il drone EVO II è un drone in se piuttosto completo, tuttavia per un’esperienza completa e sopratutto per i professionisti della fotografia, vi è la possibilità di aggiungere alla propria dotazione Autotel qualche accessorio per il drone.

Una batteria extra vi garantirà ulteriori 40 minuti di volo nei quali potrete scattare incredibili fotografie ad altissima qualità e video alla pari Hollywood.

Applicazione Explorer per Evo II

Nel complesso, l’app messa a disposizione da Autel per gestire EVO II è piuttosto complicata, in termini di menu e funzioni, vi sono una miriade di impostazioni modificabili e ciò rende la user experience meno confortevole inizialmente.

Avrete bisogno di un pò di tempo per prendere dimestichezza con l’app di EVO, ciononostante se messa a confronto con DJI Flight è nettamente più macchinosa e complessa.

EVO II


Le impostazioni di foto e video si trovano nella parte inferiore della sezione “Fotocamera” della schermata principale. È possibile selezionare le dimensioni dei file, le modalità di scatto e il tipo di file (Raw, JPEG, MP4 e MOV). La possibilità di visualizzare il grado esatto dell’angolo di inclinazione della fotocamera sia sull’app che sullo schermo remoto è utile.

Autel Explorer utilizza Google Maps come sistema di mappe per orientare EVO II, una bella aggiunta visti i dettagli aggiuntivi che fornisce sull’ambiente circostante.

Impostazioni aggiuntive consentono di stabilire un limite massimo di altezza, attivare l’istogramma e gli avvisi di sovraesposizione, passare alla modalità Ludicrous per una maggiore velocità e accedere a funzionalità aggiuntive come Defog e Gimbal Lock.

Modalità di volo EVO II


Il drone EVO II offre ben 8 modalità di volo intelligente che ci aiutano assai per creare riprese formidabili, andiamo a vedere quali sono e purtroppo quali mancano.

Manual Flight

Volo Manuale, controllo tramite telecomando per un decollo e atterraggio manuale, modalità consigliata per i piloti più esperti.

Dynamic Track

EVO II segue automaticamente il bersaglio a una distanza fissa, il drone proverà a mantenere il volo seguendo il bersaglio in qualsiasi direzione purchè visibile, il drone si ferma in modalità hovering in caso il soggetto si fermi.


Parallel Track

EVO II segue il bersaglio lateralmente a una distanza relativamente fissa, simile alla funzione Dynamic Track.

Tripod Track

Il drone con questa funzionalità di ripresa è stazionato in una sola posizione, ma cambia continuamente l’inclinazione e direzione del gimbal per riprese con diverse angolature per diversi effetti.

Viewpoint

Viewpoint consente di impostare il drone affinchè segua una destinazione pre impostata attraverso lo schermo.

Orbit

La funzione di volo Orbit autonomo del drone EVO II ti consente di catturare riprese video fluide e circolari di un punto di interesse di tua scelta. A differenza dei droni DJI, puoi modificare l’altitudine del drone mentre è in volo autonomo.

Gesture

EVO II

La fotocamera principale utilizza algoritmi di apprendimento profondo per riconoscere e rispondere a tre comandi gestuali: distendi le braccia per impostarti come obiettivo, alza entrambe le braccia per scattare una foto e alza un braccio per avviare o interrompere la registrazione.

Virtual Reality (VR)

EVO II

La modalità VR è un’esperienza simulata che pone te, il pilota, al posto di guida virtuale all’interno di EVO II .Il dispositivo mobile, se abbinato a un visore VR di alta qualità, può offrire al pilota un’esperienza immersiva unica.

Precision Flight / Volo di precisione

EVO II


Il volo di precisione limita la velocità del velivolo, l’angolo verticale e le velocità di rotazione al fine di fornire una piattaforma più stabile per la registrazione video a basse altitudini e quando si riprendono oggetti lenti o immobili.

Dual Stability/Doppia stabilità

EVO II


La modalità Dual Stability limita la velocità del velivolo e le caratteristiche di frenata al fine di ottenere una piattaforma più stabile per la registrazione video durante il volo.

Modalità di volo intelligenti che mancano in EVO II:

La mancanza principale per gli appassionati di fotografia tra i piloti occasionali sono le modalità dronie e rocket, presenti in droni DJI.

Sebbene queste due funzionalità attirino maggiormente gli utenti occasionali, anche per i professionisti queste due modalità rappresentano una fastidiosa mancanza.

Autel continua a fornire frequenti aggiornamenti del firmware per EVO II, speriamo quindi presto di vedere qualche miglioramento della App.

Conclusione

Giunti alla fine dell’articolo dobbiamo trarre le conclusioni, il drone EVO II è sicuramente un quadricottero pensato per piloti intermedi o esperti.

Insomma Eutel ha realizzato qualcosa di straordinario con il drone EVO II, quello che ci ha entusiasmato di più è sicuramente l’introduzione del concetto di videocamera modulare, in tal maniera il consumatore non è messo in una posizione in cui è costretto a sciegliere il drone, ma potrà semplicemente acquistare la videcamera aggiuntiva e installarla da se.

La batteria come detto in precedenza è un altro punto di forza di EVO II data la sua autonomia di 40 minuti, infine la mancanza del geofencin, considerato da noi un gran pregio, seppur da tenere bene a mente la possibile pericolosità nel infrangere le regole di volo per i droni.

Punti negativi? Il radiocomando di EVO II ci ha infastidito per la mancanza di aggiornamento, ma sicuramente non è un argomento sufficiente per non comprare il drone.

Il prezzo di EVO II ? Si parte da 1362.46 Euro, per andare oltre i 10.000 per la versione EVO II Dual con la videocamera termica.

Tutto sommato questo drone è sicuramente un valido contendente di DJI e la serie Mavic Pro, sicuramente consigliato per i semi professionisti e professionisti del settore droni, il nostro voto ? 4/5

Se sei interessato all’ acquisto del drone ti consigliamo di proseguire sul Marketplace Bangood, l’unico rivenditore disponibile per l’Italia.

EVO II

LEGGI ANCHE:

Torna alla Home Page